Montedimezzo

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

covoni

Tra gli alberi un po’ del nostro tempo
trovava senso nella normalità
Era sereno il dire e il camminare
nel caldo del tenersi per le mani

La luce si muoveva e dentro il verde,
tra i rami che puntavano all’azzurro,
prevaricava e densa penetrava
nel cuore fondo e oscuro del respiro.

Era lontano il nero del ricordo
e il grigio del presente sgretolato
dall’energia che ci teneva insieme.

Bastò uno sguardo – fine del sentiero –
la macchina in attesa nel parcheggio
bastò una radio e tutto fu dissolto.

Labico

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

panchina

Forse non si ripeterà mai più
quel momento di pace e tenerezza
sentirsi uniti dentro all’universo
l’abbraccio che dissolve l’uno e il tutto

e poi il vortice di rocce e di pianeti
la vertigine di baci che sconvolge
e tutto è fuori e tutto sta lì dentro
tutto decade e tutto si fa eterno

Tu ne hai avuto paura e la tua colpa
porta anche me, innocente, nell’inferno.
Dovrei rimuginare la tua pena

immaginare il fuoco e la tortura
per vivere in eterno di vendetta.
Invece resto fermo nell’amore.

Leggerezza

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

prato

Accade, a volte, che un po’ di leggerezza
venga a incrociarti mentre sei distante
dai pensieri che aprono alla gioia
e niente sembra essere importante

oltre alle infamità di donne e del lavoro
di liti, di bollette: gran casini.
Accade, invece, che senti la freschezza
di un alito di vento e t’innamori

delle parole dette senza senso
delle banalità sorrette dal bicchiere.
Se poi ripiomberarai nel grigio cupo

non è fondamentale, te ne freghi
e giochi e ti rimbalzi nel piacere
e ti allontani da ciò che ti fa male.

Maledizione

di Giovanni Petta

solitudine-1030x615

Ciò che sei stata e tutto ciò che sei
non cambia non si muove lì rimane
è densità di fuoco è carne è sangue
è tutto ciò che ho, che avrei voluto

L’amore è crudeltà, non è bellezza
è fiele da ingoiare, è insicurezza
è cima conquistata e poi si scende
senza godere il frutto dell’impresa

Vorrei vederti piangere, soffrire
Vorrei vederti ancora e tra le mani
tenere la tua fronte e le carezze

che all’infinito ho dato ancora darti.
Ma non si può, l’amore ce lo nega
ci maledice ed io lo maledico.

Passaggi

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

passaggi

Vedo che sei passata dal sorriso
lasciato sulle cose che hai sfiorato
dai petali lasciati sulle foto
dalla polvere che manca al mio quaderno

Sento che ci sei stata dal sorriso
degli oggetti che hai toccato con lo sguardo
dalla gioia dei miei versi abbandonati
suono nella voce del tuo cuore

Vedo che sei passata, sai? Lo sento
e non muovo l’aria attraversata
sperando che rimanga il tuo profumo
e tu comprenda tutto nel silenzio

Gymnopedie

di Giovanni Petta

tubi_080412

Tutta nel ricordo corre e passa
la mattina penultima d’agosto,
sprofonda e pesa nelle note gravi
e in quelle acute si solleva e freme
come in uno slancio ultimo d’estate.

Passano le macchine degli uomini soli
delle donne che corrono al lavoro
per fuggire da case maledette
con noie preoccupate trasportate
in abitacoli di musica e profumi.

Io me ne resto immobile, randagio
con i capelli sfatti dalla notte,
nelle mutande di chi si vive solo,
a leggere in penombra, dentro il bagno,
un manuale intelligente dell’Ikea.

Se tu sapessi

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

se tu sapessi

Passano i giorni a volte
come nell’attesa
di un nulla da venire
da aspettare.

Tu che non sai che cosa sta accadendo
alla mia vita, vivi lontana,
come se io non fossi,
come se io non fossi mai passato.

Eppure l’ho sentito quello sguardo
tenermi per un attimo, poi andare
quel modo tondo di dire il nome mio
quel suono, piombo nero nella pancia.

Ora con l’erba bassa alle caviglie
misuro il tempo contando le parole
cadute nel giardino, abbandonate
nei pomeriggi di noia dell’estate.

Poche ore fa

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

conchoglia

Forse te li spettavi questi miei pensieri
notturni, chiusi, senza alcun respiro
dopo l’incontro, dopo quel saluto
di circostanza in fretta in un locale.

Bello incontrarti, certo, bello rivederti.
Avrei voluto chiedere, parlare
avrei voluto, come nel giardino
tuo, guardarti dentro gli occhi e rimanere

per ore ― tempo fermo ― ad ascoltare
i sogni i desideri le paure
le ansie e la fatica, il tuo cercare
cose più belle, il tuo “prendere e andare”.

Avrei voluto, mano nella mano,
dirti che sei leggera,
soffio di bellezza,
che sei carezza, respiro profumato
che sei entusiasmo che penetra la vita.

Il silenzio

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

silenzio

Io l’attendevo questo tuo silenzio
pensavo già a giorni un po’ isolati
di un’indolenza lenta e dolceamara
stanchezza nelle braccia, spento il cuore.

Non certo immaginavo avresti letto
questi miei versi dell’amor nascosto
queste mie ipotesi che spingono al passato
nei brividi che corrono alla schiena.

Ma nel Caso ci speravo, sì, nel Fato
in un’amica ― “hai visto?” ―, in un errore,
speravo che cliccando, navigando
potessi tu arrivare alle parole

che scrivo qui da giorni e alle parole
mie avresti poi risposto col silenzio
che forse io volevo. Ché l’amore
è muto, è solo un attimo, un passaggio.

Il dolore del mondo

di Giovanni Petta – foto di Marcella Cicchino

dolore

Quanta gente, chissà, stara soffrendo
per abbandono o solo per mancanza
per lontananza e quanto male intenso
si sparge mentre anch’io sto nel profondo

di un attimo di quiete dolorosa.
Nel senso che mi schiaccia la tua assenza
sentire che non sono nel tuo mondo
sapere che non sono un tuo pensiero

e tutto si rimescola in avanti
senza di me e senza che qualcuno
si accorga se ci sono o non ci sono.

Il senso della vita è la materia.
Tutto si muove, soffre e poi si cambia
in forme che ritornano al dolore.