Vieni al davanzale, amore, posa

di Davide Rondoni

Untitled 1969 by Mark Rothko 1903-1970

Vieni al davanzale, amore, posa
la testa alla mia e vedi
quale inclinazione ha il mondo,

dove vanno a finire le colline, i giorni
e le persone.

La luna sui campi, sulle auto
animali stanchi,
brucia alzandosi e il cielo
ci supera, i suoi stemmi d’argento –

Stai esposta al mio davanzale, non chiudere
gli occhi belli come la solitudine dei voli
non pensare mai: siamo soli

nella strana luce, nella segreta
inclinazione

_________________
Mark Rothko, Untitled 1969
Annunci

Il signor Beringer

di Yehuda Amichai

Body Techniques (after Parallel Stress, Dennis Oppenheim,1970) 2007 by Carey Young born 1970

Il signor Beringer, a cui è morto il figlio
sul Canale di Suez, che stranieri
scavarono per far passare le navi nel deserto,
passa con me per la Porta di Giaffa.

È dimagrito molto: ha perso
il peso di suo figlio.
Per questo ora galleggia nei vicoli leggero
e nel mio cuore s’impiglia come i rami
sottili alla deriva.

_______________
Carey Young, Body Techniques 2007

Il canto della durata

di Peter Handke

Blue Spot 1966 by Bernard Cohen born 1933

Il canto della durata è una poesia d’amore.
Dice di un amore al primo sguardo
seguito da numerosi altri sguardi.
E questo amore
ha la sua durata non in qualche atto,
ma piuttosto in un prima e in un dopo,
dove, per il diverso tempo del quando si ama,
il prima era anche un dopo
e il dopo anche un prima.
Ci eravamo già uniti
prima di esserci uniti,
continuavamo a unirci
dopo esserci uniti
giacendo così per anni
fianco a fianco, il respiro nel respiro
uno accanto all’altra.
I tuoi capelli bruni si coloravano di rosso
e diventavano biondi.
Le tue cicatrici si moltiplicavano
e diventavano poi introvabili.
La tua voce tremava,
si fece ferma, sussurrava, trasaliva,
si volgeva in una cantilena,
era l’unico suono nella notte del mondo,
taceva al mio fianco.

________________
Bernard Cohen, Blue Spot 1966

Il mio sguardo è nitido come un girasole

di Fernando Pessoa

van-gogh-girasoli-1888-600

Il mio sguardo è nitido come un girasole.
Ho l’abitudine di camminare per le strade
guardando a destra e a sinistra
e talvolta guardando dietro di me…
E ciò che vedo a ogni momento
è ciò che non avevo mai visto prima,
e so accorgermene molto bene.
So avere lo stupore essenziale
che avrebbe un bambino se, nel nascere,
si accorgesse che è nato davvero…
Mi sento nascere a ogni momento
per l’eterna novità del Mondo…

Credo al mondo come a una margherita,
perché lo vedo. Ma non penso ad esso,
perché pensare è non capire…
Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui,
(pensare è un’infermità degli occhi)
ma per guardarlo ed essere in armonia con esso…

Io non ho filosofia: ho sensi.
Se parlo della Natura, non è perché sappia ciò che è,
ma perché l’amo, e l’amo per questo
perché chi ama non sa mai quello che ama,
né sa perché ama, né cosa sia amare…

Amare è l’eterna innocenza,
e l’unica innocenza è non pensare…