Il signor Beringer

di Yehuda Amichai

Body Techniques (after Parallel Stress, Dennis Oppenheim,1970) 2007 by Carey Young born 1970

Il signor Beringer, a cui è morto il figlio
sul Canale di Suez, che stranieri
scavarono per far passare le navi nel deserto,
passa con me per la Porta di Giaffa.

È dimagrito molto: ha perso
il peso di suo figlio.
Per questo ora galleggia nei vicoli leggero
e nel mio cuore s’impiglia come i rami
sottili alla deriva.

_______________
Carey Young, Body Techniques 2007
Annunci

La Cena di Leonardo

di Enzo Mazza

Autumn 1959 by Giuseppe Ajmone 1923-2005

La Cena di Leonardo
– volti e gesti d’un estremo
significato, sbriciolati
nel tempo -, quasi non si vede più.
Anche tu sbianchi, allontanandoti,
e i lineamenti mi sottrai allo sguardo.

____________________
Giuseppe Ajmone, Autumn 1959

Becoming thinner

di Giovanni Petta

we_150727_28_29_ecc_calabria (97)

Oggi di te mi manca proprio tutto
non solo quelle cose raccontatate
in chili e chili di stupidi versi
ma anche ciò che non riesco a dire

coi suoni e con il senso di parole
da mettere nel ritmo e raccontare.
Mi manca quella voglia e l’energia
che dentro i giorni tu mi rimandavi

dal tuo lavoro e dalle occupazioni
dal più normale e quotidiano impegno.
E mi stordisce quella tua distanza

mi rade al suolo quell’indifferenza
contare quanto un filo d’erba conta
nel prato che si allunga all’orizzonte

Cantieri abbandonati

di Giovanni Petta

we_141010_marche (46)

Lo so che oggi passerai di qui
in questo luogo fitto di parole
per rivedere ciò che hai distrutto
macerie di carezze e di illusioni

Io non mi sono mosso, ho raccattato
ogni momento amato e poi la rabbia
che segue al tonfo, al crollo ed alla resa
Tutto ho salvato, persino i materiali

che non aveva senso sistemare
negli angoli, a sostegno di pareti
per stanze ch’era meglio non aprire.

Ho fatto tutto questo per salvare
gli oggetti del “museo dell’innocenza”
senza speranza di ricostruire

In the box

di Giovanni Petta

573314243.2

Che strano questo mio cercare invano
in spazi che non servono più a niente
le cose che hai toccato e che hai voluto
i desideri e poi gli oggetti veri

che hanno riempito i giorni e le occasioni.
Bellissima la bici parcheggiata
da un giugno ormai lontano con gli auguri
mai scritti… perché niente mi scrivevi

per non lasciare traccia, per paura
che un giorno io potessi ritrovare
ciò che poteva ora consolarmi

Non c’è un biglietto. Non ho una tua frase
che possa dimostrare che c’è stato
qualcosa, il niente, l’assoluto, il vuoto

Bianco

di Giovanni Petta

vasto_mare

Ogni cosa mi parla di te, ora
che sei lontana, stella del dolore
delle mani che non so più che farne
degli occhi ciechi senza che lo sguardo

trovi qualcosa da poter guardare.
L’anello tuo è ora simulacro
le tende che scegliesti insieme a me
e la consolle all’ingresso regalata

lo specchio mio del bagno immaginato
la biancheria del letto, il battiscopa
che di Provenza allude alla poesia.

Tutto nel bianco ora sono immerso
nel bianco che volevi, luce e vita
nel ricordo che brucia e che dilania