Una ragazza texana al funerale di suo padre

di Randy Newman

Poured Painting 1963 by Hermann Nitsch born 1938

Eccomi… persa nel vento
navigando in un girotondo
come una nave che non arriva mai
Eccomi qui… con me stessa

Quanto vorrei una canzone triste
per un uomo buono
per me
per un marinaio a mille miglia dal mare

Eccomi… lungo la pianura
mentre il sole sta tramontando
e sta cominciando a piovere.
Dai papà… salpiamo

_______________
traduzione di Giovanni Petta
Hermann Nitsch, Poured Painting 1963

Angelo defilato

di Alessandro Fo

Untitled 1952 by Oskar Fischinger 1900-1967

Sabato notte d’estate sul corso,
gente come fuochi d’artificio:
tutto, fra i trucchi e le pelli abbronzate,
i look tirati, le mise più smaccate,
grondava sfoggio caricaturale.

Serenamente solo,
speravo di incontrare,
l’angelo-donna che è sempre da sola,
breve, raccolta, di braccia sottili,
capelli corti nero a pagliaccetto,
che sopra gli altri come aquila vola.

Lei non era capace
forse di unirsi – come me – a quei riti
o, più semplicemente, era già a letto.

Ma la pregava il mondo dei gentili
che, comparso tra i fili
di quelle traiettorie scombinate,
uno dei suoi umili sorrisi
si rivelasse ragione di pace.

_________________
Oskar Fischinger, Untitled 1952

Qualcosa nel buio

di Pierluigi Cappello

Aurora Borealis 1952 by Roberto Crippa 1921-1972

L’altra notte ho messo la faccia nel buio
non c’era che la mia faccia non c’era niente
non si muoveva un solo rumore né una sola evidenza
animava al soprassalto, neanche il sospetto
di un’assenza concentrata in ombra
c’era solo la pressione del nero sugli occhi
con quella della nuca sul cuscino
e tutto attorno, qualcosa tutto attorno
conteneva quell’oscurità e me.

_______________
Roberto Crippa, Aurora Borealis 1952

Amo tutto ciò che è stato

di Fernando Pessoa

Sol LeWitt

Amo tutto ciò che è stato,
tutto quello che non è più,
il dolore che ormai non mi duole,
l’antica e erronea fede,
l’ieri che ha lasciato dolore,
quello che ha lasciato allegria
solo perché è stato, è volato
e oggi è già un altro giorno.

_______________________________
Sol LeWitt, «Wall Drawing»

Il mio sguardo è nitido come un girasole

di Fernando Pessoa

van-gogh-girasoli-1888-600

Il mio sguardo è nitido come un girasole.
Ho l’abitudine di camminare per le strade
guardando a destra e a sinistra
e talvolta guardando dietro di me…
E ciò che vedo a ogni momento
è ciò che non avevo mai visto prima,
e so accorgermene molto bene.
So avere lo stupore essenziale
che avrebbe un bambino se, nel nascere,
si accorgesse che è nato davvero…
Mi sento nascere a ogni momento
per l’eterna novità del Mondo…

Credo al mondo come a una margherita,
perché lo vedo. Ma non penso ad esso,
perché pensare è non capire…
Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui,
(pensare è un’infermità degli occhi)
ma per guardarlo ed essere in armonia con esso…

Io non ho filosofia: ho sensi.
Se parlo della Natura, non è perché sappia ciò che è,
ma perché l’amo, e l’amo per questo
perché chi ama non sa mai quello che ama,
né sa perché ama, né cosa sia amare…

Amare è l’eterna innocenza,
e l’unica innocenza è non pensare…

Domande all’ora del tè

di Nicanor Parra

Hopper-Nighthawks-5

Questo signore un po’ smagrito sembra
una figura del museo delle cere;
guarda attraverso le tendine rotte:
cosa vale di più? L’oro o la bellezza?
Vale di più il ruscello che si muove
o la foglia rimasta sulla riva?
Da lontano si ode una campana
che apre una ferita in più, o che la chiude:
È più reale l’acqua della fonte
o la ragazza che si specchia in essa?
Non si sa, la gente se la passa
costruendo castelli sulla sabbia.
Il vetro trasparente è più prezioso
della mano dell’uomo che lo crea?
Si respira un’atmosfera stanca
di cenere, di fumo, di tristezza:
ciò che si vide una volta non si torna
a vedere nello stesso modo, dicono le foglie secche.
Ora del tè, pane tostato, burro.
Tutto avvolto da una specie di nebbia.

___________________________________________
traduzione di Giovanni Petta
l’immagine è «Nighthawks» di Edward Hopper